martedì 7 febbraio 2012

La doppia vita

Avevo un appuntamento nel pomeriggio:
avrei dovuto visitare una location per uno shooting fotografico.


Ci spostiamo in privincia, arriviamo, entriamo: un open space, delicatissimo grazie ai colori molto tenui utilizzati, mi sembra un bell'ambiente, ma...è lo studio di un geometra!

Saliamo su per le scale, un paio di scrivanie in legno molto chiaro, computer, pile di documenti, poi lui: Maurizio. 

Si avvicina amichevolmente, si presenta, ci mette immediatamente a nostro agio,  ma resta sempre sulle sue, fino a che lo studio chiude.

Inizia, così un via vai di gente, e ci trasferiamo al piano di sotto....

Ma dove si va?!

Entriamo in una stanza, in men che non si dica:

.Maurizio ed Antonio prendono a strimpellare con le loro chitarre
.Davide inizia a dare un paio di colpi alla batteria
.Ivan accorda il suo basso 

Gli ascoltatori, sono pronti tra fotocamere, birre e sigarette!

Si parte, il repertorio comprende pezzi di pilastri del rockThe Who,  The Bush, Pearl Jam, Jeff Buckley...
poi, improvvisano, così per gioco, tanto per prendere in giro i tipici pezzi da cerimonia, una versione punk di Careless Whisper . 




Il loro sound rockeggiante riesce ad entrarti dentro, 
i brividi ti scorrono lungo schiena. 










































Liberi professionisti di giorno, 
rock star non appena gli uffici chiudono!

Ragazzi con una passione smodata per la MUSICA
e non per la popolarità alla quale potrebbe portare: 
musica come vita!

Ognuno di loro ha una storia da raccontare, 
ognuno di loro ha almeno un motivo  per "essere incazzato
con il mondo, e questo rende le loro performance piene di vita.


L'assolo di una Fender, una voce sporca che urla la sua rabbia in ogni pezzo, il semplice accompagnamento di una Gibson e di un Ibanez grazie alle quali ritrovarsi catapultati nella west coast californiana è semplicissimo, la scarica finale di una batteria che ti pulsa dentro, riescono a farti percepire tanto, ed è solo a quel punto che ogni singolo pezzo diventa parte di te e ti coinvolge emotivamente.

Quando ciò accade, il musicista è riuscito nel suo intento.

EMPATIA



I went out this afternoon because I had to visit a location  and decide if it would be good for a shooting. the location was near the city, so we went there, we stopped our car and entered in the building. It was nice, a comfortable open space. We went upstairs : some desks, some computers and lots of documents and papers. Then a guy come to us: Maurizio. 
<<Where the fuck we are????>>  (I thought)
It was an office and Maurizio was the owner. 
When the office closed people become to arrive there to join us, we went downstairs, in a small room. Antonio and Maurizio started to play theirs guitars, Ivan did the same with his bass-guitar and so did Davide with his drums.
They played songs by Pearl Jam, Jeff Buckley, Bush, The Who, and suddenly they started to play a funny and extremely "punkie" version of Careless Whisper.
SERIOUS WORKERS DURING THE DAY, ROCK STAR AT NIGHT!


foto di Anna Pastore



1 commento: